Del cacao e delle sue rare proprietà si è detto tutto o quasi in questo post, dove si racconta anche delle fasi di lavorazione, e di come si arrivi a produrre la perfetta tavoletta di Cioccolato Ghiott.

Qui parleremo invece della coppia più bella del mondo, che non ha nulla a che vedere con il Celentano nazionale, ma con le golosità dolciarie che diventano vero e proprio superfood, grazie all’incontro fra due pesi massimi di questa categoria, cioè il cacao e la frutta secca.

Più precisamente illustreremo le qualità della frutta secca, che come ben sappiamo si sposa perfettamente con il cioccolato, accentuandone croccantezza e scioglievolezza allo stesso tempo. Anche il cacao, come abbiamo detto, rientra nella lista dei superfood, e quindi una tavoletta di cioccolato con granella di nocciole potrebbe rappresentare una valida fonte di nutrienti, se consumata ovviamente senza eccessi.

Superfood: cosa sono?
Il benessere e lo star bene passa sempre più dallo stare a tavola e da cosa si mangia. I superfood sono quei cibi ricchi di nutrienti che contribuiscono naturalmente alla nostra salute, combattendo e prevenendo alcune malattie. Sono “super” proprio perché in poca quantità racchiudono elevati quantitativi di principi attivi. Fra i superfood ci sono quinoa, avocado, bacche di Goji, ma anche cibi meno esotici come i broccoli, il cavolo nero, gli spinaci, e ovviamente la frutta secca.

La frutta secca
La frutta secca si divide in due grandi famiglie. La prima, a noi più nota, è quella della frutta secca lipidica (oleosa), che comprende la frutta in guscio: mandorle, noci, pinoli, nocciole e pistacchi, semi di girasole e semi di zucca. È ricca di grassi insaturi, di proteine, di fibre, vitamine e minerali. La frutta secca lipidica si propone perciò come valido aiuto nel proteggere da cardiopatie e ipertensioni, ed ha proprietà anticancerogene e antiossidanti. Secondo quanto riporta il magazine della Fondazione Veronesi, bastano 30 grammi di frutta secca al giorno per vivere meglio e più a lungo.

L’altra famiglia è quella della frutta secca glucidica che contiene pochi grassi e molti zuccheri. Fa parte di questa famiglia la frutta essiccata (come cocco, mele, banane), la frutta disidratata (albicocche, prugne), e anche lo zenzero o ginger, che pur essendo una radice rientra in questo gruppo. Vere e proprie bombe di energia.

Cioccolato con le noccioleL’incontro fra cioccolato e frutta secca per Ghiott prende le seguenti forme.
• Cioccolato Ghiott con granella di nocciole
• Cioccolato Ghiott con granella di pistacchio
• Cioccolato Ghiott con granella di ginger

 

cioccolato con pistacchiProprietà dei pistacchi: in particolare fanno bene perché…
I pistacchi riducono i livelli di colesterolo LDL, il cosiddetto “colesterolo cattivo”, elevando il colesterolo HDL, o “colesterolo buono”. Naturalmente occhio a mangiare i pistacchi salati se avete problemi di ipertensione: meglio quelli al naturale.
(Foto: Flickr – Fabio Ingrosso)

 

cioccolato con zenzeroProprietà dello zenzero o ginger: in particolare fa bene perché…
Lo zenzero, o ginger, è senza dubbio il digestivo naturale più potente ed efficace che abbiamo a disposizione.

 

 

E infine ecco le endorfine a go-go!
Da non sottovalutare il fatto che il binomio frutta secca e cacao, o meglio tavoletta di cioccolato con granella di nocciole, pistacchio o ginger, favorisce la produzione di endorfine, che sottendono al nostro benessere e buonumore. Quindi se volete passare 5 minuti di benessere e felicità, adesso sapete cosa fare.

 

 

Leggi tutti i nostri post sull'argomento:


Alimentazione e Salute
IN EVIDENZA
Mondo Ghiott